MoVimento 5 stelle · roma · Uncategorized

La gente non sa di cosa parla…I Maneskin l’hanno cantata ma nessuno sta zitto e buono.

Parlare senza sapere o fingere di non sapere, questo lo sport che è andato di moda per 5 anni da quando Virginia e il suo gruppo è al comando della nostra città.

Ultima vicenda l’Eurovision 2022.

Basterebbe informarsi e dire la verità, ma è più comodo attaccare ed infangare, etichettando ancora una volta la figura della Sindaca di Roma come impreparata e incapace.

Veniamo ai fatti.

I Maneskin, orgoglio capitolino, vincono L’Eurovision 2021 il 22 Maggio.

La nazione vincitrice, in questo caso l’Italia appunto, ha diritto ad ospitare la manifestazione del 2022.

Si avvia la macchina organizzativa a Roma e nelle altre città italiane.

I requisiti per partecipare sono molto stringenti per via delle richieste dalla EBU(L’Unione europea di radiodiffusione (in inglese: European Broadcasting Union, EBU; in francese: Union européenne de radio-télévision, UER) è un’organizzazione internazionale che associa diversi operatori pubblici e privati del settore della teleradiodiffusione su scala nazionale e che opera i canali Eurovisione ed Euroradio.), Molto difficile soddisfare i parametri ma ci si lavora giorno e notte pur sapendo dell’impresa quasi impossibile.

Questi i requisiti richiesti:

La città ospitante deve avere: 

  • Un aeroporto internazionale a non più di 90 minuti dalla città.(Ok ROMA HA QUESTE CARATTERISTICHE )
  • Oltre 2 000 camere d’albergo nella zona vicina all’evento. (Ok ROMA HA QUESTE CARATTERISTICHE )
  • Un’infrastruttura (stadio/sede/centro) in grado di ospitare una trasmissione in diretta su larga scala con i requisiti minimi elencati di seguito.

L’infrastruttura deve:

  • Essere al coperto, dotata di aria condizionata secondo gli standard vigenti e ben perimetrabile;
  • Avere una capienza di 8.000 – 10.000 spettatori nella sala principale durante l’evento ESC (che corrisponda al 70% della capienza massima prevista per i normali concerti, prendendo in considerazione le specifiche esigenze di ESC per palco e produzione) (NESSUN PALAZZETTO HA QUESTE CARATERISTICHE A ROMA)
  • Essere dotata di un’area principale che possa ospitare un allestimento e tutti gli altri requisiti necessari a realizzare una produzione di alto livello con altezze disponibili di circa 18 metri, in particolare, con buone capacità di carico sul tetto, e facile accesso al carico;(NESSUN LUOGO PUBBLICO HA QUESTE CARATTERISTICHE A ROMA)
  • Avere una struttura logistica intorno all’area principale che supporti le esigenze della produzione di ESC quali: infrastrutture per la sicurezza, un centro stampa per 1.000 giornalisti, un’area per le delegazioni (artisti) che includa i camerini, strutture per il personale ed uffici, un’area per l’hospitality, servizi per il pubblico come toilettes e punti per la vendita di cibo e bevande ecc.;(NESSUN LUOGO PUBBLICO HA QUESTE CARATTERISTICHE A ROMA)
  • Disporre di aree a raso e di facile accesso contigue ed integrate nel perimetro dell’infrastruttura per il supporto tecnicologistico di 5.000 mq (NESSUN LUOGO PUBBLICO HA QUESTE CARATTERISTICHE A ROMA)
  • Essere disponibile esclusivamente per 6 settimane prima dell’evento, 2 settimane durante lo spettacolo (che si svolgerà a maggio) e una settimana dopo la fine dell’evento per lo smontaggio(NESSUN LUOGO PUBBLICO HA QUESTE CARATTERISTICHE A ROMA)

L’unico spazio che si avvicinava a questi parametri era la fiera di Roma ma non aveva l’altezza giusta del tetto richiesto per tale evento.

Quindi la commissione ha deciso di scartare Roma, questi i fatti.

In tre mesi dalla vittoria non si poteva certo costruire un palazzetto idoneo.

Questa la verità, gli altri continuano a parlare e ad infangare. I giornali cavalcano la notizia attaccando.

Potevamo farla nella vela di Calatrava mai finita oppure nella Nuvola di Fuksas, come dice qualcuno(impossibile), costata uno scempio di tempo e quattrini e non adatta.

Potevamo investire i soldi che hanno sottratto alla nostra città in tutti questi anni con amministrazioni scellerate, ma la colpa è solo di una persona che in tre mesi doveva tirar fuori dal cilindro magico un’infrastruttura che non esiste e che i CAPACI non hanno mai costruito.

Parla, la gente purtroppo parla, non sa di che cazzo parla…

Rome Mayor Virginia Raggi, center, holds the Lupa Capitolina (She-wolf Capitoline) award given to members of the Maneskin band, from left, Damiano David, Thomas Raggi, Victoria De Angelis and Ethan Torchio, in Rome’s city hall Campidoglio, July 27, 2021.ANSA/FABIO FRUSTACI
MoVimento 5 stelle · roma · Uncategorized

Il bilancio in attivo è un problema..secondo Gualtieri.

Vi vedo un po’ tutti agitati anche in Agosto…

Sottotitolo:
Gualtieri ammette che i conti di Roma sono in attivo e in ordine.
Ma si agita e sentite cosa dice…

‘’Il bilancio di un ente locale in attivo è un problema!! È un indice di inefficienza e incapacità!’’ Con tono anche alterato 🙄

Quindi bisognerebbe fare debito secondo l’ex ministro dell’economia( e ci ha fatto anche il ministro?)
Quelli bravi quindi creano debito?
Quelli bravi affossano le partecipate?
Quelli bravi tagliano i servizi essenziali??

Caro Gualtieri,
che mi hai bannato dal tuo profilo,
(me ne farò una ragione)
sai che un utile, un disavanzo in positivo permette di reinvestire quel tesoretto accumulato per la comunità?
Permette di pagare le ditte che aspettano pagamenti dal comune da anni?
Permette di non creare debito per i romani del futuro?
E quei soldi sono reinvestiti magari con le palestre nuove?
Magari acquistando autobus nuovi?
Magari riasfaltando quasi tutta Roma?
Magari assumendo le insegnanti precarie?
Continuo?
Ti dovresti vergognare per quello che hai detto, ma in fondo provieni da una scuola che ci ha consegnato 13 miliardi e passa di debiti nella nostra città.

Titolo di coda:
L’orgoglio di non aver fatto un centesimo di debito non ce lo toglierà nessuno, avanti tutta!

#RaggiSindaca2021

Uncategorized

19 Giugno 2016/2021

Con il 67,2% delle preferenze e oltre 770 mila voti,5 anni fa, esattamente il 19 Giugno 2016, sei stata eletta sindaca della nostra Roma.Non so se in questi casi si fanno gli auguri di altrettanti anni da sindaca 😅Sono stati 5 anni a dir poco intensi, sappiamo tutti quello che ti/ci è arrivato addosso e che continuerà ad arrivarti da qui ad Ottobre, ma so che andrai avanti senza paura, come hai sempre fatto, a testa alta.Io non lo so se sarai riconfermata sindaca, io lo spero con tutto il cuore perché lo meriti.Io non lo so se i romani hanno capito l’amore che ci hai messo per rimettere in piedi questa città devastata da quelli bravi , piano piano ci state riuscendo insieme alla squadra di consiglieri, assessori e presidenti.Io non lo so, ho mille timori, paure, domande, ma poi guardo te ogni notte che torni a casa devastata ma felice per aver dato tutto e mi passano i dubbi. Ecco, hai dato veramente tutto, tutto quello che un essere umano può dare. Sono però sicuro che potrai dare altrettanto nei prossimi 5 anni.Sfido chiunque a farlo come lo stai facendo tu,il sindaco quello vero, un amministratore serio ed onesto,sei sempre l’ultima a spegnere la luce in Campidoglio. Ecco chi dei candidati lo farebbe con questa intensità? Con questa passione?? Mister Calenda? Il tribuno con la PRO sindaca? O Gualtieri che non sa nemmeno dove sta Ottavia?Con questo CORAGGIO? Chi?La risposta è NESSUNO!Lo potranno fare come lo hanno sempre fatto fino adesso, con superficialità, con quella superficialità che ha regalato a Roma ben 13 miliardi di debito, la superficialità di chi affidava la manutenzione del verde a chi sappiamo, azzerando il servizio giardini di Roma. La superficialità di chi voleva privatizzare il servizio pubblico mandando in malora Atac, La superficialità di chi assumeva in Ama parenti e amici, La superficialità di chi chiudeva gli occhi di fronte ai Casamonica, agli spada a Casapound,La superficialità di chi ha devastato Roma col cemento senza criterio, senza una visione,La superficialità di chi frequenta i salotti della Roma ‘bene’, La superficialità di chi mandava in giro autobus vecchi di 20 anni, La superficialità di chi cancellava le multe ai parenti, La superficialità di chi chiudeva le discariche senza avere un piano b,La superficialità di chi prendeva mazzette per concedere permessi, La superficialità di chi costruiva e mai finiva opere tipo la ‘vela’ o a chi le ha finite, vedi Nuvola, e che ha speso più del dovuto in tempo e denaro. La superficialità di chi non aveva messo mano su nulla, regolamenti, assegnazioni, piani di zona, affrancazioni, case popolari, palestre, asili nido, scuole etc. Non voglio continuare per non infierire.Bravi! Voi si che siete i capaci, fare il sindaco così è troppo facile.Ripeto io non lo so, ma so che tra TE e loro c’è un Abisso e spero che i romani riconoscano il grande impegno che ci hai messo e che ci metterai per altri 5 anni.Avanti tutta con coRAGGIo!

Uncategorized

IL MOMENTO E’ ORA!

Ora che anche il centro destra ha un suo candidato, inizia la campagna elettorale su Roma.

Diciamo che sono 5 anni che non si è mai fermata, con un lento e inesorabile massacro mediatico, dai titoli denigratori alla presunta colpevolezza di aver commesso i peggior crimini del mondo.

Ora è venuto il momento di contribuire alla riconferma di Virginia come sindaca di Roma, per tutti quelli che non voglio RI-consegnare Roma al peggior PD che ci potesse essere in tutta Italia o alla destra di Salvini e Meloni

Sappiamo di lottare contro poteri enormi e finanziamenti da capogiro ai quali difficilmente potremmo arrivare.

Loro possono vantare dei contributi statali e dei finanziamenti pesanti da parte dei privati(avete visto la campagna di Carlo Calenda?? Andate a vedere sul suo profilo quanto ha già speso).

Possono contare su giornali e reti televisive.

Spargere Fango ogni minuto ovunque.

Guardate la campagna che stanno facendo a Gualtieri e Zingaretti, sembrano i messia venuti da Marte, eppure quello che dicono sono delle banalità mai sentite, vergognosi.

La nostra arma è la rete e la condivisione delle cose fatte in questi 5 anni, la nostra arma sono le piccole donazioni, la voglia di contribuire con il nostro impegno civico a far conoscere veramente chi è Virginia.

La sua forza, il suo amore per Roma e il lavoro costante, che insieme a tutti i consiglieri, presidenti e assessori stanno mettendo per ridare, giorno dopo giorno, un pezzetto di dignità a questa città, devastata da 13,6 miliardi di euro di debiti,

dove tutto non era al suo posto, dove ci sono voluti anni per rimettere in ordine tutto.

A partire dai bilanci.

Mai questo comune aveva approvato per 5 anni consecutivi i propri conti nei termini di legge.

Ci sono voluti gli incompetenti a salvare la più grande azienda di trasporto pubblico ad un passo dal baratro.

Ci sono voluti gli incapaci a chiudere bilanci di Ama dopo anni di menefreghismo generale e di chiusura di occhi alla carlona.

Ci sono voluti quelli che non si girano dall’altra parte per combattere la criminalità a Ostia, a San Basilio, per abbattere quello che nessuno e dico NESSUNO vedeva, perché distratti ad arraffare il più possibile, magari proprio insieme a loro.

Ci sono altri mille problemi ancora non risolti ma solo dando continuità e sostenendo questa amministrazione riusciremo a dare un senso a tutto questo.

Ora è tempo di investire tutto quello che è stato fatto, la nave si è rimessa in rotta e ora tocca spingere sulle turbine.

Altrimenti ricominceremo da capo, qualsiasi maggioranza ci sia diversa da questa.

Quindi chi può, può donare il suo tempo facendo attivamente campagna elettorale per Virginia andando casa per casa, facciamo conoscere chi è veramente Virginia e quanta passione mette in tutto quello che fa, convincendo l’indeciso e quelli che non vanno a votare perché tanto sono tutti uguali.

Chi invece non può con il tempo può partecipare donando anche una cifra piccola per sostenere la campagna elettorale,

https://www.comitatopervirginia.it/dona/


#RaggiSindaca2021 #AvantiConCoraggio

Ci siamo, il momento è ora.

Uncategorized

Il silenzio assordante

Non mi pesano le parole di disprezzo verso una donna di questo personaggio, mi pesa il silenzio di molti. A lui sono abituato

Dalle TV, ai giornalisti, agli opinionisti, ai parlamentari, ai molti che sono rimasti in silenzio.

Quando si parla di violenza sulle donne non è solamente violenza fisica, la maggior parte delle volte avviene con le parole.
Parole che a volte sono pesanti apprezzamenti, pesanti supposizioni e come in questi caso sminuenti e dispregiative.

Non possiamo abituarci, non possiamo farle passare, mai.

A chiunque vengano rivolte.

Serviva una risposta ferma che non c’è stata, qualcuno, che ringrazio, lo ha fatto, gli altri purtroppo no.

Uncategorized

Tafazzi? Sono io…

Ciao,

io voto NO

perché meno parlamentari equivale a meno rappresentanza territoriale. perché ad esempio a Bolzano si è presentata la Boschi, classico esempio di deputato vicino al mio territorio.

Voto NO,

Anche se non conosco il nome di chi ho votato negli scorsi anni e non mi sono mai interessato delle sue votazioni una volta eletto.

Voto NO

Anche se sono a conoscenza che la maggior parte dei parlamentari eletti sono assenteisti e lavorano tre giorni a settimana.

Voto NO

anche se sono anni che grido e sostengo lo snellimento del ‘pachiderma’ istituzionale.

Voto NO

perché voglio più qualità ma lo stesso numero di deputati, anche se non saprei come, visto che i partiti scelgono i loro galoppini, bloccano le liste e scelgono le loro teste di legno per le loro porcate e per accontentare le lobbies, che li finanziano.

Voto No

Anche se il mio rappresentante in parlamento ha quasi sicuramente votato SI, perché la legge è passata con una larga maggioranza e non mi importa del suo voltafaccia e ora sostiene il NO.

Voto NO

perché il risparmio sarebbe solamente di 82 Milioni circa l’anno (escluse tutte le spese accessorie, non calcolabili), quasi 400 milioni ogni 5 anni e quasi 800 Milioni di euro in 10 anni (sempre escluse tutte le spese accessorie e il mondo che gira intorno ai 300 deputati). Che vuoi che sia, chissà con quei soldi quante scuole, autobus, strade, ospedali si potevano fare, ma voto NO perché si può risparmiare in altri modi ad esempio tagliando gli stipendi, ma nessuno lo fa.Quindi voto NO anche se sono cosciente che solamente il Movimento 5 stelle si taglia lo stipendio e restituisce i soldi.

Voto NO

perché voglio fare un dispetto al Movimento 5 stelle

Voto NO

perché mi stanno proprio sul caxxo sti grillini, incompetenti e incapaci.

Voto NO,

anche se so che il taglio dei parlamentari è il primo passo per poi intervenire sugli stipendi, sui privilegi e sulla nuova legge elettorale che taglierebbe fuori molti partitini al di sotto del 5%.

Voto No

perché la costituzione non si tocca, è vero non si tocca, ma questo è lo snellimento della stessa, che era pensata ad una rappresentanza diversa, dove ancora non esistevano gli eletti nelle regioni. Non si toccherebbe il funzionamento democratico ma solamente il numero troppo elevato di rappresentanti, che alla fine non rappresentano nessuno ma solamente i loro interessi.

Voto NO

anche se conosco il numero medio europeo di eletti e che il taglio ci porterebbe al loro livello.

Voto No

Sono ad un passo dal goal decisivo la palla scorre veloce sulla linea di porta, mi butto in scivolata e invece di buttarla dentro la metto fuori e penso di essere un eroe. Purtroppo ho sbagliato ancora una volta la porta, potevo segnare per la mia squadra ma sono convinto di aver salvato la partita perché sono Tafazzi e, come lui, mi piacciono le bottigliate sugli ‘zebedei’, i miei.

Uncategorized

Ti lamenti…

Il lamento è terapia,
ti aiuta a non guardarti mai allo specchio.
Il lamento ti coccola.
Lamentarsi protegge dal cambiamento che dovresti adottare per migliorare il tuo modo di essere e di comportarti in una comunità chiamata CITTA’.
Ti lamenti per qualsiasi cosa,
Ti lamenti delle corsie preferenziali perché non hai mai preso un autobus.
Ti lamenti delle piste ciclabili perché non hai mai avuto la voglia di uscire in bicicletta,
Ti lamenti del blocco del traffico perché non puoi andare con i mezzi al lavoro ma non ti ho mai sentito dire una parola per i morti da inquinamento, per il riscaldamento globale,  per i disastri ambientali,
Ti lamenti delle multe perché l’avevi lasciata solo 5 minuti in doppia fila,
Ti lamenti degli autovelox perché non si può andare così piano in città,
Ti lamenti dei ciclisti in mezzo alla strada per il motivo di cui sopra,
Ti lamenti delle videocamere perché non vuoi essere controllato e imprechi se ti arriva la multa perché sei passato in una zona dove non potevi,
Ti lamenti se un pedone ti fa frenare mentre attraversa ma non ti ho mai sentito arrabbiato per i morti in strada che ci sono nella tua città,
Ti lamenti per i lavori stradali perché poi come fai ad arrivare in tempo ma non ti interessa se prima erano mai stati fatti,
Ti lamenti della mondezza ma non sai cosa significa, fare la differenziata,
cosa significa ridurre e produrre meno rifiuti,
riciclare e riusare,
non fai nulla di concreto per migliorare la situazione,
continui a buttare le cicche per terra, a gettare i rifiuti ovunque, lasci i mobili per strada, dai le tue cose agli svuota cantine per non andare all’isola ecologica,
Ti lamenti per ogni cosa che possa toccare il tuo mondo,
Ti lamenti perché cambiare le tue abitudini e il tuo modo di fare è difficile.
Ti lamenti perché alla fine rimanere nella tua zona di comfort è bello e non vuoi uscirne, è come quando devi scegliere se guardare la TV oppure studiare, informarti, leggere ed essere attivo, preferisci il divano e spegnere il cervello per quelle ore che ti separano dal giorno in ufficio, il resto non conta.
Meglio essere passivi, rimanere nel proprio bozzolo.
Continua a lamentarti,
però non mi dire niente,
non voglio essere il tuo cestino dove getti la tua rabbia,
non voglio essere il tuo alibi.
Ti direi cambia, ma forse, nel farlo, ti lamenteresti comunque.
stress
MoVimento 5 stelle · Uncategorized

Parco Lineare ennesima vergogna

Stavolta non parlerò della cattiva manutenzione del parco, dei rifiuti, del costo del parco, del mancato collaudo, di zone promiscue ad elevata percentuale di incidente tra ciclisti e bambini, di zone non illuminate, di cancelli chiusi, di catene che ostacolano la libera circolazione, di manutenzione della pista ciclabile appena rifatta e subito sbriciolata dopo pochi mesi. No sono stanco, siamo stanchi.

Stasera dopo una giornata dura di lavoro e riunioni fino alle 20 per il Movimento 5 stelle mentre tornavo a casa mi sono trovato tra la stazione Balduina e Gemelli questi nastri della polizia municipale senza nessuna segnalazione alla stazione.

IMG_5462

Sbalordito e stanco, per non tornare indietro scendo dalla bici e passo sotto il nastro camminando adagio per vedere di cosa si trattasse.

Arrivo vicino al parcheggio del Gemelli e trovo i cancelli chiusi con persone, alcune anziane , in difficoltà che cercavano di scavalcare perché bloccate a piedi tra le due stazioni.

 

Io con la mia bicicletta per non tornare indietro e rifarmi tutta la salita da Balduina ho scavalcato(video) sul lato destro con la bici e poi sono rientrato subito dopo il cancello.

E’ mai possibile che dobbiamo subire ancora l’incompetenza di questa amministrazione nel gestire un parco del genere?

E’ mai possibile chiudere dentro persone che stavano passeggiando nel parco?

Si può sapere chi sono i responsabili?

Qual era il pericolo imminente che giustifichi la chiusura del parco con la gente dentro??

Che pericolo c’era? Perché non c’era nessuno?

Perché non è stato segnalato che era stato bloccato l’accesso?

Qualcuno ne risponderà??

Spero di si, il 5 Giugno o il 19 Giugno!

 

 

 

 

 

MoVimento 5 stelle · Uncategorized

Il bisogno di “Etichettare”

virgi etichetta.jpg

 

Com’è difficile!!

Il nostro bisogno di appiccicare un’etichetta a qualsiasi cosa ci rende schiavi del nostro pensiero e del nostro modo di essere.

Per ogni cosa riusciamo a mettere un’etichetta!

Quello è antipatico, quello è di destra, è di sinistra, è un ciclista, è della Lazio, è della Roma , è comunista etc.

Questo modo di incollare le etichette a qualsiasi situazione ci allontana quasi sempre dalla realtà, una volta etichettata la situazione o il soggetto, il nostro cervello si chiude.

Non è più aperto, non è più curioso perchè ormai ha classificato, ha analizzato e archiviato.

Le menti libere e più aperte invece, hanno capito che questo modo di ragionare è deviante .

Le menti che stanno oltre si fanno domande, coltivano dubbi, mettono in discussione ciò in cui hanno sempre creduto, ascoltano le altre persone e magari modificano la loro opinione.

Non sono più tifose

In questi giorni ho sentito e letto tutto e il contrario di tutto su Virginia Raggi.

I media stanno impazzendo.

E’ di destra, è di sinistra, è della Lazio, è amica di Previti, ha come amici quelli dell’ex lavanderia che hanno occupato un padiglione del S.Maria…eccole qui le etichette!

Nessuno ascolta quello che dice, serve un’etichetta subito!

altrimenti come la classifichiamo??

Non ce la fanno proprio! Si sentono spaesati, come la maggior parte delle persone che non riescono a capire se non tramite un cartellino appiccicato.

I media cercano di inculcare nelle altre persone la loro etichetta.

A loro non importa chi è Virginia, cosa dice, se è onesta, non interessa proprio.

Loro vogliono classificarla.

Tante stupidaggini(e mi tengo) ho letto, una cosa posso dirla a voce alta:

RASSEGNATEVI siamo imprendibili..non ci avrete mai, etichettati, destra sinistra centro, ormai non ci fregate più.

Il tempo per dividerci è finito!

Il nostro obiettivo è chiaro, vogliamo ridare ai cittadini il potere di decidere il loro futuro e la loro dignità!

Vogliamo spazzare via il fango che copre da troppo tempo questa città e questo paese.

Il programma è chiaro, le etichette le lasciamo a chi non riesce a vedere un futuro,

a chi non riesce a cambiare, a chi è fermo al palo

(Quando ce stava lui…Compagni…Duce..Forza Lazio e Forza Roma).

QUANDO ETICHETTATE UNA PERSONA O UN ASPETTO DEL MONDO IN MODO GLOBALE STATE ESCLUDENDO QUALSIASI POSSIBILITA’ DI CAMBIAMENTO E MIGLIORAMENTO!

Ponetevi dubbi, sempre!

Ce la faremo. E se non ce la faremo possiamo dire con orgoglio che ci abbiamo provato seriamente!

 

MoVimento 5 stelle · Vita

ONESTA’…Quanto sei bella…

24 Gennaio 2015, la notte dell’onestà è arrivata.

Una parola che sta tornando di moda grazie a dei ragazzi che la pretendono e la difendono ad alta voce ogni giorno.

Una parola bella, che deve essere l’orgoglio di tutte le persone che ogni sera potranno guardarsi dritto negli occhi allo specchio senza abbassare lo sguardo.

E’ arrivato il momento di far sentire la voce delle persone oneste, quelle che combattono ogni giorni per un mondo pulito.

L’onestà è rara in questo mondo, ma è il requisito fondamentale per amministrare il bene comune.

Lo dobbiamo pretendere tutti, se non si ha questo TIC (cit.Beppe) non si può essere degni di ricoprire una funzione pubblica.

Fuori i mafiosi, i condannati, i ladri, i corrotti.

Bisogna cacciarle queste persone.

COSTORO non potranno mai rappresentarci, mai!

Vogliamo che le istituzioni siano libere dalle persone senza scrupoli che pensano solo ai propri “affari”.

Ti aspettiamo, domani,  il 24 dalle ore 16.30 a Piazza del Popolo per gridare forte: ONESTA’!!

Se sei di un altro partito ma ti reputi onesto domani è anche il tuo giorno, ci sono persone oneste ovunque ma molto spesso si sentono sole e fuori dal mondo, da domani però non lo saranno più.

Noi ci siamo, fai uscire la tua voce.

Ti aspettiamo!!

Onestà…quanto sei bella!

MoVimento 5 stelle · Uncategorized · Vita

Quando i partiti si fanno belli e non riescono a mantenere quello che promettono.

10 Marzo 2012, Via Trionfale.

Nello spartitraffico ormai abbandonato da anni, alcuni cittadini, sponsorizzati dal più grande partito di promesse non mantenute, tutto chiacchere e distintivo, si apprestano a riqualificare l’aria con un’iniziativa lodevole. Piantando una trentina di alberi e ripulendo la zona come dimostrano queste foto.

Immagine

Immagine

I giornali in pompa magna definiscono questa operazione come l’iniziativa del secolo nel nostro municipio e quasi tutti i cittadini credono alla favola che quella zona non sarà più abbandonata al degrado e sarà riqualificata.

Quanto sarà costata quest’iniziativa? Sono soldi dei cittadini o dei circoli del PD? Non lo sapremo mai.

Il Pd Monte Mario e tutti i circoli del Pd del municipio scrivono questo nel comunicato:

Si tratta di un atto d’impegno civico per il quale invitiamo la cittadinanza a partecipare, a tornare ad essere protagonista, a segnalare situazioni critiche, a fare festa dove le cose migliorano. Lavoriamo insieme per avere un quartiere più sostenibile, più civile, più bello”!

Per fortuna la rete non dimentica e questi articoli si ritrovano con una facilità imbarazzante, imbarazzante ovviamente per chi dice di volersi occupare del bene pubblico.

Bastano però pochi mesi e i cittadini tanto volenterosi e sempre il PD,tutto chiacchere e distintivo, si dimenticano di quel posto, passano dei mesi e degli anni.

Oggi 18 Marzo 2014, dopo ben due anni, ecco i risultati.

Immagine

Immagine

Questo è come i partiti fanno credere che la gestione del bene pubblico sia una loro priorità.

Questo è l’esempio di come i partiti prima delle elezioni fanno credere ai cittadini che si preoccupano per loro.

Quante volte abbiamo visto queste iniziative poi cadute nel vuoto?

Quante volte abbiamo visto la strada sotto casa, sempre dissestata, magicamente asfaltata pochi giorni prima delle elezioni?

Ci siamo stancati, noi vogliamo che chi ci governa si preoccupasse sempre del decoro di questa città non solo nei momenti a loro più convenienti per strappare dei voti.

L’esempio dello spartitraffico è un piccolo esempio, ma fa capire bene come i partiti gestiscono la nostra vita.

Mandiamoli a casa!

Uncategorized

Rosarno chiama Roma risponde

Eccoci di nuovo con le arance di Rosarno. Quando questa terra chiama i cittadini di buona volontà rispondono!

Rispondono perché capiscono che ordinare le arance in una terra difficile come Rosarno, dove tantissimi migranti vengono sfruttati per pochi euro al giorno e dove la n’drangheta e la mafia la fanno da padrone, è fondamentale per dire basta allo sfruttamento di persone e per garantire loro un lavoro regolare, pagato il giusto e senza l’ombra di una mano oscura che gestisce questo business.

Quando Rosarno lancia un SOS i cittadini sensibili che appartengono ad un gas, ad una comunità e ad un movimento rispondono massicci.

Anche oggi, tra mille difficoltà di organizzazione, di trasporto, di pioggia, di lavoro, ce l’abbiamo fatta. Prendersi un giorno di ferie per organizzare lo scarico è entusiasmante, sentire tutto il gruppo emozionato per delle arance è qualcosa di unico che solamente chi non vive la realtà dei gruppi d’acquisto non potrà mai capire.

Andare al supermercato è sicuramente più semplice ma dietro la grande distribuzione c’è la morte dei contadini, lo sfruttamento della natura e degli uomini pagati un soldo di cacio per un’intera giornata di lavoro.

E’ bello conoscere ragazzi calabresi che si impegnano per la legalità e per far tornare nella loro terra un’aria pulita che manca da troppo tempo. Questi sono i ragazzi di SOS ROSARNO

E’ bello vedere i loro volti stanchi per il viaggio rallegrarsi appena arrivati, è bello scambiare alcune riflessioni sul progetto messo in piedi senza essersi mai visti e conosciuti, è bello scoprire alcuni modi di conservazione delle arance che sicuramente al supermercato non ti diranno mai, è bello avere in comune un’idea di mondo basato sul rispetto reciproco e sulla sostenibilità ambientale.

Sono solo delle arance ma il semplice acquisto può cambiare gli scenari e gli equilibri di questo mondo.

Rosarno chiama, noi rispondiamo!

Alcuni momenti dello scarico

Immagine

Immagine

Immagine